Politica

Ruby e le altre, almeno Silvio non va a trans

Ma lasciatelo stare Silvio Berlusconi. Non può neanche più spassarsela un po’ a casa sua. Cioè, lavora tutto il giorno per rimediare ai guasti dei comunisti che hanno comandato in Italia per…. per… Quanto hanno governato i comunisti in Italia? Come “mai”, ma se avete governato per 50 anni. Scusate, Dc non stava per Democrazia comunista? Dài, siete i soliti, volete nascondere al mondo che avete governato mezzo secolo creando scempi dovunque.

E poi sappiamo tutti che voi comunisti complottate a livello mondiale per far fare una figura di merda a Silvio. Nel 2001, neanche il tempo di sederci al governo, e siamo subito alle prese con l’attentato dell’11 settembre. Vergogna, vi alleate pure con Saddam per mettere in crisi George Bush il Piccolo e il suo alleato Silvio.
Ah non c’entra Saddam? E’ stato Osama bin Landen? Vabbè, il concetto è quello. Ma scusate, io pensavo che c’entrasse Saddam, sennò perché abbiamo fatto guerra all’Iraq? Beh comunque, andiamo avanti. Poi nel 2008, quando siamo tornati al governo, ecco la crisi mondiale finanziaria e il terremoto dell’Aquila. La sinistra le pensa tutte. Pure il terremoto. Come se non bastasse la spazzatura che noi togliamo sempre dalle strade e voi di notte rimettete. Vergogna!

E poi non ho capito. Tutto sto casino per una chiamata alla questura. L’ha fatto Silvio, embè, qual è il problema. La polizia si chiama di Stato no? E quindi se un’istituzione dello Stato vuole la liberazione di una zoccoletta… ehm… di una minorenne gli sbirri devono liberarla. Non eravate voi di sinistra a gridare sempre contro gli arresti degli stranieri, che non era giusto, che eravamo razzisti. Siete incoerenti, solo per attaccare Silvio. E poi chi di noi non ha chiamato una volta nella sua vita in questura per chiedere la liberazione di qualcuno. Io? No, io non ho mai chiamato, ma sono un eccezione.

Comunque, a noi gli italiani ci ammirano. Perché a noi ce la danno tutte. Le bionde, le more, le vecchie baldracche, le giovani, la ballerine e le dentiste. Cioè non proprio a noi, gliela danno solo a Silvio, ma l’importante è che sia felice lui. Nessuno di voi comunisti pensa poi alla vita dura di uno come Emilio Fede. Uno che lavora, finito di lavorare deve andare a prendere quella e poi quell’altra e portarle da Silvio e poi riportarle a casa. Altro che quegli operai scansafatiche di Pomigliano. Questa sì che è vita dura.

Siete solo invidiosi, miei cari nemici comunisti. Uno, perché siete delle checche infinite. Due, perché tanto l’unica cosa che riuscite a rimediare voi è qualche trans per strada. Ah ah ah, sfigati.
Ora vi lascio. Silvio mi chiama, inizia il ballo del bunga bunga. Tutti insieme, bunga bunga iè iè.
Saluti
Sandro Bondi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...