Società

Giovani, lavoro e figli di papà

Siete disoccupati. Siete giovani. Cioè giovani, si fa per dire. Avete meno di 35 anni. All’estero sareste già uomini, qui in Italia siete ancora una bozza di vita. State ancora con papà e mammà. Papà e mammà, detto per inciso, non sono politici, non sono imprenditori affermati, non sono banchieri, non sono classe dirigente e digerente. Magari sono operai, magari ferrovieri, magari agricoltori. Voi invece avete studiato perché “un titolo oggi serve”. E allora hai sgobbato alle superiori. Cento su cento. Bravo figlio. Grazie mammà.

Ecco l’università. Gli esami, i libri. Testa bassa e studio. Uno, due, tre esami. Poi meno tre, meno due, meno uno esami. Tesi. Laurea. Che ve lo dico a fa’. Lode. Bravo figlio. Grazie papà. Ora il futuro è vostro. Siete pronti per l’Italia. Siete una testa pensante. Curriculum… Stage. Stage non retribuito. Buoni pasto no… Vabbè, è per iniziare. Giusto mammà.

Stage rinnovato. Curriculum, ancora stage. No grazie. Ecco, un contratto a progetto. Tre mesi, 500 euro. Buoni pasto no. Vabbè, è per iniziare, giusto papà. Otto ore di lavoro, ogni tanto pure dieci. Si fa, lo fate. Così vi notano. Ma non vi notano. E intanto strappate pagine di calendari e rispondete a sms di auguri. Auguri al mio amore che oggi spegne le sue prime trenta candeline. Ridete. Cissss. Foto. Bellissima foto non c’è che dire. Buon anno, felice anno nuovo.

Il vostro curriculum diventa di due, tre, quattro pagine. Arrivate a mille euro. Riscendete a 800. Ritornate a mille. Grasso che cola. Lunga vita al padrone/direttore/editore/mastro/boss. Cazzo un matrimonio di un vostro amico che si è sistemato. Eh, ha fatto carriera quello. Cazzo, ci vuole un prestito per la famigerata busta. Se ne va un quinto del vostro stipendio. E poi il vestito. Volete presentarvi con il solito, con quello che indossate ormai da 4 matrimoni? Caro vecchio vestito, milite eroico, strenuo difensore del portafoglio, gladiatore di tante battaglie. E’ l’ora di mandarlo in pensione. Diamine, altro esborso non indifferente per le vostre finanze. Ridete. Cissss. Foto. Bellissima foto non c’è che dire.

Ma il bello, cari miei laureati, deve ancora arrivare. (Continua)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...