'ndrangheta

Gratteri e i “tromboni” dell’antimafia

E’ passata abbastanza sotto traccia una frase del procuratore antimafia di Reggio, Nicola Gratteri, che ha detto qualche giorno fa: “Ci sono troppi ‘tromboni’ che vanno in giro parlando di lotta alla mafia e legalità inventandosi un mestiere”. Lo ha detto Gratteri, non l’umile autore di questo inutile blog.

Ho scritto tanti, tanti post su questo tema. Da osservatore noto che più la ‘ndrangheta diventa, com’è doveroso e giusto, allarme nazionale, più nel nome del contrasto a questa si stanno costruendo carriere giornalistiche e non solo. Sono felice che a denunciare il fenomeno sia un professionista come Gratteri, che, come magistrato, è l’unico che può riempirsi a ragione la bocca con parole tipo “antimafia”.

Con questo non voglio denigrare tanti giornalisti, miei colleghi, che dedicano moltissimo del loro tempo, anche privato, alla cronaca nera o giudiziaria. Né sminuire le minacce che ricevono. Denuncio da tempo, però, che il giornalismo si sta appiattendo sulle carte dei magistrati, pm o giudici che siano. Nella mia, ancor breve, carriera di redattore ho spesso “passato” pezzi fotocopia di atti giudiziari. Ma, signori, il giornalismo che ho in mente non è questo.

Prendiamo il Watergate. Lo scandalo che ha costretto alle dimissioni il presidente degli Stati Uniti, Richard Nixon, è il frutto di un grande lavoro giornalistico che non si è servito di alcuna carta giudiziaria. Altro che copia e incolla. O, per venire in Italia, l’inchiesta di Report sui quadri ancora in possesso dell’ex patron di Parmalat, Callisto Tanzi, ha preceduto l’azione dei magistrati. Altro che copia e incolla.

Limitarsi a copiare le carte dei pm è comodo, spesso ti permette di entrare nelle grazie di quel pm che aiuti a far carriera, e, se sei ambizioso e ti accodi ai direttori più “sgamati”, ti permette di fare carriera alla velocità della luce.

Bravo Gratteri.

Annunci

One thought on “Gratteri e i “tromboni” dell’antimafia

  1. Condivido in piedo Ago. A volte, ho paura anche io di finire in questo circolo per un motivo o per un altro. E sia mai, è l’ultima cosa che voglio! Per questo poi mi ritiro sui monti….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...