Senza categoria

Il Riformista chiude? E chissene

Polito el Drito

Il 2010 si è chiuso con un uomo in lacrime. Antonio Polito, direttore de il Riformista (eh sì, vi informo che in edicola c’è anche questo giornale, per di più quotidiano, la cui esistenza è passata inosservata dagli italiani), si è fatto intervistare a raffica per dire sostanzialmente: “Me ne vado perché mi vogliono cacciare per motivi politico-burocratici”.

Ovviamente tutti i giornali “seri” – a partire dal Corriere della Sera – hanno evitato di dire che:

1) il Riformista, edito dalla famiglia Angelucci, piglia un sacco di soldi – 2.5 milioni – dallo Stato. Cioè io e voi ogni anno diamo un po’ dei nostri risparmi e anche no a questi signori qui. Perché? Boh. Gli Angelucci già ricevono il finanziamento pubblico per un altro loro giornale – Libero – e quindi per legge non potrebbero riceverne un altro. Ora quei soldi sono bloccati in attesa di capire se il Riformista ne ha diritto.

2) Il nostro giornale vende in edicola meno (e dico meno) di duemila copie. Più che giornale è un foglio clandestino. Questo significa che quel grande luminare osannato in tv e sui giornali, Polito el Drito (copyright Dagospia), proprio non riesce ad apprezzarlo nessuno. Italiani ingrati!

3) Questo è il solito gioco di quella corporazione chiamata “giornalismo”. Muore un giornale? Tutti lì a frignare. Un direttore lascia? Tutti a stracciarsi le vesti (e quando centinaia di poveri redattori vengono messi alla porta? “Giusto taglio dei costi“). Ma questo direttore qui non è riuscito a far vendere il SUO giornale, si è fatto eleggere in Parlamento e poi è tornato a fare il direttore con risultati ancora scadenti. Il minimo è che venisse preso a calci nel culo.

Non mi stancherò mai di ripetere. Basta con i finanziamenti pubblici a aziende private come i giornali. Se un giornale vende allora si regge da solo. Se non vende chiude. E’ il mercato bellezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...