Società

Rottamiamo la Gialappa’s

La Gialappa's Band

Li ho amati tanto. In modi e con intensità diversa. Ma li ho amati. E mi hanno deluso e ferito come una donna che ami tanto e che scopri a letto con il tuo miglior amico. Anzi, in questo caso, peggior nemico. Non so cosa è preso a Linus, direttore di radio Deejay, e alla Gialappa’s Band. Ma ultimamente non ne azzeccano più una. Anzi, peggio. Si sono venduti al miglior (si fa per dire) offerente.

Capitolo Gialappa’s. Per gli amanti dei bulgari, degli autogol impossibili, delle rubriche “Ipse dixit” e “Un uomo, un perché” era già tanto sorbirsi Mai dire Grande Fratello. Ma vedere in tv l’altra sera Mai dire Amici di Maria de Filippi era davvero troppo. Un colpo al cuore. Una pugnalata alla schiena. Aldo Grasso, critico televisivo del Corriere della Sera, lo ha definito, e a ragione, il peggior programma della storia ventennale dei Gialappi.

Ai quali vorrei dare un consiglio. Se volete sperimentare, cambiare il vostro format, bene. Altrimenti, se continuate con questa schifezza, fate pure. Ma sappiate che i vostri fan sono delusi. La cosa peggiore è la puzza che il programma emana. E’ quella puzza di commerciale, di vecchio, di venduto. Ecco, miei cari Gialappi, siete venduti come le peggiori vallette di Silvio B. Noi credevamo che voi foste diversi. Vi predicavate diversi. Non migliori, solo diversi, fuori dal coro. Ma ci piaceva il vostro modo di dissacrare gli stanchi riti della tivvù peggiore. Voi siete diventati colonna portante di quella tivvù peggiore.

E passiamo all’altro venduto di giornata. Linus. Uno che, giustamente, ha sempre criticato la scorciatoia al successo rappresentata da Amici o da X Factor non può andare, come è successo due domeniche fa, ospite proprio ad Amici di Maria de Filippi. Anche per te, caro Linus, vale lo stesso discorso dei Gialappi. Ti sei venduto? Lo capiamo. I soldi non hanno odore. Lo capiamo. Ormai dire di no alla de Filippi è come dire di no a Totò Riina. Allora ammettilo. Non ti nascondere dietro cavolate retoriche come fai nel tuo blog. Non dire che Aldo Grasso è stato violento nell’attaccarti. Sei stato tu a violentare noi fan con quella marchetta dalla de Filippi. Avanti, un po’ di dignità.

Gialappi e Linus. Ci avete tradito. E, quel che è peggio, per un piatto di lenticchie.

Annunci

4 thoughts on “Rottamiamo la Gialappa’s

  1. Ho già letto un articolo più o meno simile a questo su un blog linkato sul sito del Corriere della Sera; hai perso la tua ispirazione oppure ti limiti a scrivere gli articoli di altri???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...