Società

Le donne incazzate e il gol di Matri

Schegge di una domenica di metà febbraio.

Piazza Castello, Milano. Marea di donne incazzate con Silvio B. Alle spalle del palco, il Castello Sforzesco. Dario Fo e Franca Rame e Gad Lerner al microfono. Pioggia. Tante gente. Centomila, duecentomila. Boh. Gli striscioni pochi (molti quelli delle lesbiche, finalmente ne ho conosciuta qualcuna!), le bandiere poche, le sciarpe bianche tante. Avviso: la prossima volta, cari organizzatori, installate un impianto acustico più potente, non si sentiva una mazza.

Groupon, che grande sito internet, che grande scoperta!

Facebook lento. Riprovo più tardi.

Sbarchi, sbarchi, sbarchi. Bobo Maroni chiede l’aiuto dell’Europa. Quando conviene l’Europa serve?

Digitale terrestre difettoso. Riprovo più tardi. Evvai, funziona. Ora partita.

Silvio B. precipita nei sondaggi. Mia previsione: B. invaderà tutte le trasmissioni, comprese le televendite delle pentole.

Juventus-Inter. Noi vecchi gobbi non chiediamo nulla a questo campionato. L’ennesimo. Se viene la Champions bene, sennò amen. Però l’Inter dobbiamo batterla, lo scudetto lo deve perdere. Anche a costo che vinca il rossonero arcoriano. Sofferenza. Matri, gol! Sofferenza. Matri, pallone fuori di poco. Sofferenza. Triplice fischio. E’ finita. Interisti a casa tristi. Tiè.

Annunci

One thought on “Le donne incazzate e il gol di Matri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...