Società

Yara violentata da tutti noi

Una notizia mi è rimasta impressa nel caso dell’assassinio di Yara Gambirasio. Un particolare a cui i media non hanno dato risalto. Questo: i genitori hanno allontanato la folla di gente che si stava radunando attorno all’abitazione con peluche, pupazzi e quant’altro. Un episodio molto simile a quello che si era visto attorno a casa di Sara Scazzi. Con le file di auto in direzione del paesino di Avetrana.

Flash di una realtà ormai drogata dalla tv. Che questa porti la violenza nelle case degli italiani è anche doveroso, visto che la realtà trabocca di morte e nasconderla è da bigotti. Ma qui siamo a un livello superiore. Il cadavere di Yara e quello di Sara e di tanti altri in futuro, la televisione ce li porta in tavola.

E noi quei cadaveri ce li mangiamo. Con quelli ci banchettiamo e ci trastulliamo. A pranzo o a cena. Vogliamo sapere tutto. Quante coltellate, se c’è stata violenza sessuale, quando e come, perché. Vogliamo sempre più particolari, sempre più orrore, sempre più sangue. In una sorta di bulimia da cronaca nera. Una vera pornografia dello strazio. E quel che è peggio è che tv e giornali ci offrono tutto. Senza sconti.

C’è un articolo del codice deontologico dei giornalisti che non è altro che una norma di semplice buon senso. E dice che ci si deve limitare alla cronaca e non dare informazioni che non aggiungano niente alla notizia. E nel caso di Yara cosa importa ai telespettatori, che non sono investigatori, sapere il numero delle coltellate e in quale parte del corpo? Cosa aggiunge alla notizia il pressing e la tortura a cui le telecamere sottopongono i genitori e le loro lacrime? Cosa spiare dentro le finestre o addirittura aprirle e ficcarsi dentro casa come fatto da quel simpaticone di Fabrizio Corona?

Vi prego, fermiamo i cronisti e i loro direttori malati. Fermiamo le loro menti degne da serial killer. Fermiamo gli avvoltoi. Oscuriamo Porta e Porta e Matrix e i loro salotti di finta gente perbene. Vi prego.

Annunci

3 thoughts on “Yara violentata da tutti noi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...