Esteri

Libia, ma ci vogliamo svegliare?

Eppure eravamo partiti bene. Le Nazioni Unite avevano votato per un intervento armato che difendesse i civili in Libia. La Francia e gli Usa si erano messi alla testa di una coalizione internazionale per bombardare le truppe di Gheddafi. E poi… e poi boh. Ci si è accapigliati come bambini all’oratorio su chi dovesse fare il capitano della squadra finché non è subentrata la Nato a dire che ci avrebbe pensato lei.

Il sito di informazione Linkiesta.it ci va giù pesante: “Diecimila morti e nessuna strategia”. Eh sì, perché Misurata continua a essere assediata, perché a Misurata i civili che tanto dovevano essere protetti vengono ammazzati a migliaia, perché a Misurata ora muoiono anche i giornalisti, perché in Libia non sappiamo che fare.

Eppure, lo si sapeva. Lo si sa. Senza intervento a terra, le guerre non si vincono. Hai voglia di bombardare dal cielo. L’Iraq era stata bombardata per dieci anni. Dieci. Eppure Saddam non è stato impiccato finché gli americani non hanno portato il loro bel sederino fino nel deserto.

Quindi, o in Libia ci si sveglia e ci si va con la fanteria, i carri armati e tutto il necessario per arrivare a Tripoli, o si ammette che Gheddafi ci piace tanto e che, in fondo, ci dispiace destituirlo veramente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...