Società

Gli hooligans di Confindustria

Hanno applaudito colui che è stato condannato in primo grado per omicidio. Hanno esultato. Lo hanno osannato. Tifosi squinternati? Estremisti di sinistra? Estremisti di destra? No, no e no. Industriali? Sì loro, quelli col doppio petto, il gessato e la ventiquattrore. Quelli che “sono la forza produttiva”, quelli che “sono il motore del paese”, quelli che “la maggioranza silenziosa”. E l’assassino?

L’assassino è, almeno per il primo grado della giustizia italiana, l’amministratore delegato della ThyssenKrupp, Herald Espenhahn, condannato per la morte di sei operai dentro lo stabilimento di Torino.

Oggi Confindustria ha chiesto scusa per quell’applauso. Oggi, vale a dire cinque giorno dopo il “fattaccio”.

Ricordate le polemiche, giustissime per carità, sulle sfilate dei pacifisti in cui si cantava “Una, cento, mille Nassirya”? Le trasmissioni televisive in cui si prendevano di mira gli “estremisti” che inneggiavano alla morte dei nostri soldati e ai loro killer? Non mi pare di aver letto o sentito o visto niente di paragonabile a tutto questo nel caso degli industriali.

E’ proprio vero, contessa. Il denaro compra anche l’indignazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...