Società

Perché girano le palle

Ci sono due notizie che la dicono lunga su come funziona, oggi, l’Italia. La prima. L’Inps ha fatto sapere che la metà dei pensionati non supera le 500 euro di assegno. La seconda. L’ex ministro Claudio Scajola si faceva pagare dal costruttore Diego Anemone pure il frullatore. Ricordate, vero, voi italiani con la memoria di uno scimpanzé, la coppia più bella del mondo Scajola-Anemone? Quelli del mezzanino vista Colosseo pagato come un bilocale a Quarto Oggiaro.

Sì, sarò demagogico, sarò pure un po’ populista. Ma, a me, certe disparità fanno girare le palle. I nostri nonni, quelli che ci davano diecimila lire “e comprati il gelato”, ora stanno alla canna del gas. Mentre i nostri politici, quelli del buon esempio, non vogliono pagare nemmeno un aggeggio da 60 euro.

E notizie del genere, vedete, se ne trovano a bizzeffe. Gli operai Fincantieri vengono licenziati in massa – tanto la crisi mica la pagano i padroni -, mentre Marco Di Vaio, calciatore del Bologna, non contento dello stipendio da nababbo, si è fatto togliere multe per 3mila euro con un pass da invalido. Ora si dice dispiaciuto, ma intanto si prepara ad andare a giocare all’estero. Vergogna, ipocrita.

Ecco, queste sono le due facce di un’Italia allo sfascio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...