Società

Batterio killer? Ma va là

Il nuovo batterio killer E.Coli mentre firma autografi

L’E.Coli spaventa l’Europa!“. “E’ un ceppo mai visto!“. “Diciotto morti, ora l’Europa trema!“. Signore e signori, diamo il benvenuto al nuovo spauracchio contemporaneo, il batterio E.Coli. Aprite le farmacie, assaltatele, fate man bassa di medicine, mascherine, pomatine. Chiudetevi in casa e non mangiate nulla, neanche una mela. Le case farmaceutiche stanno lavorando per voi. Voi dovete solo aprire il portafoglio e comprare, comprare, comprare.

Vi ricordate l’influenza aviaria? Tutti a comprare mascherine, a evitare di mangiare questo o quell’animale, tutti a cercare un vaccino. E poi? Beh, e poi nulla. Finito tutto come un temporale di agosto.

E vi ricordate la mucca pazza? “La più grave epidemia del secolo” si disse all’epoca. E poi? Beh, e poi nulla. Finito tutto come un altro temporale di agosto.

E come dimenticare la “mitica” influenza suina? Partì dal Messico e poi arrivò… arrivò… beh non arrivò da nessuna parte, perché bene o male non è che fece morti a volontà nel mondo. Scrisse il Corriere della Sera il 26 aprile 2009: “L’ epidemia ha un «potenziale pandemico», ha ammonito il direttore generale dell’ Organizzazione, Margaret Chan, per quanto sia ancora presto per considerare certo questo scenario apocalittico: «La situazione evolve molto rapidamente, per definizione di ogni nuova malattia si conosce molto poco» ha detto“. Sì, come no?

Poi ci fu la “pecora pazza” italiana nel 1998, poi l’afta epizootica nel 2001, ma la vera star è l’influenza A. Su giornali e tv servizi apocalittici, manco stesse arrivando un asteroide. “Tutti a vaccinarsi, tutti a vaccinarsi” si disse. L’Organizzazione mondiale della sanità si allarmò: “E’ un’epidemia mondiale“. Sapete com’è finita? Con una bella pernacchia e tanti cari ringraziamenti delle case farmaceutiche: “L’influenza A è stata una “falsa pandemia” orchestrata dalle cause farmaceutiche pronte a fare soldi con la vendita dei vaccini. La denuncia, riportata dal Daily Mail e dall’Agi, arriva dal presidente della commissione Sanità del Consiglio d’Europa, il tedesco Wolfang Wodarg che ha anche accusato le case farmaceutiche di aver influenzato la decisione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità di dichiarare la pandemia“.

Annunci

One thought on “Batterio killer? Ma va là

  1. Per fortuna i cetrioli non mi piacciono… Comunque prepariamoci al prossimo video istituzionale di Topo Gigio, che ci illustrerà il modo migliore per utilizzare cetrioli e affini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...