Esteri

Londra siamo noi

Che cosa ci insegnano le immagini che arrivano da Londra? Che cosa gli incendi, le molotov, i feriti e ora anche i morti? Che cosa i palazzi assaltati, le vetrine infrante, le porte scardinate, i cancelli divelti, i fast food depredati? Ci insegnano che noi giovani, in forme anche violente e non ortodosse, ci siamo rotti.

Rotti di rimanere senza lavoro. Rotti di essere precari. Rotti di pagare questa crisi in prima persona. Rotti di non avere più la possibilità di sognare, perché sognare costa e non ce lo possiamo permettere senza un conto in banca sostanzioso.

Rotti di sentirci chiamare bamboccioni. Rotti di essere classificati. Rotti di essere rappresentati nei talk-show da pettinati e patinati ventenni da strapazzo.

E’ vero. Per le strade di Londra, di Birmingham, di Liverpool, di Manchester, di Bristol ci saranno dei criminali. Delle baby gang. E’ inevitabile che qualcuno si infiltri sempre. Ma se voi commentatori, borghesi da salotti in bianco, vi volete fermare a questo, prego, accomodatevi.

Ma sappiate che, allora, non avrete di nuovo capito niente.

Annunci

One thought on “Londra siamo noi

  1. Ciao Agostino,

    di solito sono d’accordo con te, ma su questa rivolta londinese non del tutto. Io credo che i giovani che pagano la crisi e che si sono rotti non vadano in giro ad appiccare fuoco agli appartamenti degli immigrati, né prend. Non prendono a sassate i pachistani, non devastino i negozi per prendersi un “bottino” di high-tech e cose così…
    Avessero attaccato le banche, Downing Street, il PArlamento, persino la sede dei giornali…avrei capito. Ma depredare i negozi all’angolo, no, anche perché quei negozi sono i primi a pagare la crisi, senza averne colpa. Gli inignados spagnoli, i giovani arabi, anche la maggior parte dei manifestanti italiani contro la Gelmini non facevano così.
    Però c’è da dire una cosa: chiaro che la società ha anche la sua colpa in questa rivolta. Tutti questi teppisti per la maggior parte vivono in famiglie inesistenti, dove basta avere un figlio per avere un sussidio dallo Stato e le giovanissime madri se ne fregano dei figli ( tipo il caso del piccolo Baby P, morto due anni fa per colpa dei servizi sociali inetti e criminali), l’istruzione è sempre più cara ( Università) e ghettizzata, etc. A me questa rivolta sembra una rivolta dei poveri contro altri poveri, non c’entra tanto il problema “giovani e la crisi”, perché si è visto che in generale negli altri Paesi, persino sottosviluppati, i giovani hanno trovato forme non-violente di protesta. A me sembra la rivolta dell’ingiustizia sociale, ma anche e soprattutto del fallimento totale del supporto alle famiglie, dell’educazione all’essere genitori e della scuola. Io non lo so, ma a me pare che a quei londinesi, più che i soldi, mancasse il sentirsi amati, protetti dalla società e, possibilmente, da una famiglia che li consideri qualcosa di più che una fonte di reddito, utili e soprattutto valorizzati da una scuola che insegni valori veri, tipo solidarietà, valore del lavoro ben fatto, mettere in pratica le qualità che sicuramente uno ha etc.
    io ci vedo proprio il fallimento di uno stato sociale volto a dare soldi (forse) ma sicuramente non quello di cui la gente ha davvero bisogno, cioè uan solidarietà costruttiva, un aiuto sociale e non solo finanziario e poi lavoro…e il fallimento di una società costruita sul più hai, meglio sei, invece che sul valore di ogni singolo individuo a prescindere dalla sua posizione sociale e finanziaria.
    Non dico che la mia analisi sia giusta, a me sembra che le cose stiano così, comunque…
    Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...