Politica

Black Bloc e ipocrisia di Stato

Dopo gli scontri di Roma, vasta operazione delle forze dell’ordine contro l’ala anarco-insurrezionalista del movimento. E’ sempre la stessa storia. Quando una bomba misteriosa fa saltare una banca, quando una manina oscura piazza un esplosivo in una stazione o in un treno in corsa o quando polizia e carabinieri fanno una figura barbina, ecco, la colpa è sempre dei soliti. Una bella retata fra gli anarchici e il gioco è fatto. Si porta via qualche bandiera, qualche volantino, magari se ne fermano due o tre, qualche giudice compiacente li manda in galera per qualche settimana, i giornali ne parlano per giorni per, poi, spegnersi tutto nel silenzio. Il solito teatrino.

Come il solito teatrino si apre dopo ogni manifestazione violenta. Da una parte si parla di infiltrati, e ne vorrei mai conoscere uno, se qualcuno lo è si faccia avanti, dall’altra si condanna la violenza. Nel caso degli scontri di sabato, la variante è “Roma non si tocca“. Ah ah ah.

A dirlo sono gli stessi politici che l’hanno spremuta come un limone. Che l’hanno svenduta a palazzinari. Che l’hanno massacrata. Che l’hanno scavata fin nel midollo. Che l’hanno deturpata. E ora, come il sindaco Gianni Alemanno, si lamentano per dieci metri cubi di sanpietrini divelti.

L’ho scritto tante volte e tante ancora lo scriverò. La vera violenza è di chi ti costringe a lavorare a 700 euro al mese, di chi ti chiude in call center a vendere aria fritta ad altra povera gente, di chi ti chiede di consumare, sempre e comunque, di chi ti costringere a pagare per studiare.

Tutto il resto è fuffa.

Annunci

4 thoughts on “Black Bloc e ipocrisia di Stato

  1. sarà pure ipocrisia, ma io penso che sia vegognoso il comportamneto di quei violenti. Innanzi tutto perché svia l’attenzione da chi manifesta pacificamente e svilisce le intenzioni di tutti, poi perché siamo sinceri: io giustifico la violenza in Paesi come l’Iran, la Libia, Sudan. etc. Ma che dei ragazzi che, ci scommetto, hanno da mangiare a pranzo e a cena e nessuno dei loro parenti sequestrato nottetempo dalla polizia, si mettano a saccheggiare, incendiare, buttare pietre etc. è davvero vergognoso. Io condivido le motivazioni della manifestazione e condivido l’opinione che la classe politica sia davvero,anch’essa, vergognosa, che rubi il futuro ai giovani – anche io sono emigrata- (anche se non solo la politica, ma buona parte della società che “si adatta” a certe cose…), ma quello che non posso proprio condividere è la violenza. Mi sembra del tutto ingiustificata – adesso altri bei soldi pubblici buttati a rifare strade e ripagare camionette. Non dico che bisogni accettare tutto in nome dello status quo, anzi, sono per la protesta – ma se qualcuno mi dice acosa sia servito il casino di sabato se non a mettere a tacere tutte le buone intenzioni di chi c’era andato pacificamente, a manifestare, lo ringrazio.
    I black-bloc hanno fatto esattamente come i Radicali.

      1. un po’ forse sì (anche perché ormai si sfila per tutto e nessuno prende più sul serio le manifestazioni e gli scioperi), però la soluzione non è usare la violenza, almeno secondo me.
        Guarda, io ti capisco proprio, anche a me cascano le braccia a sentire certi discorsi tenuti dal palco dalle stesse persone che una volta al governo non fanno niente, o a sentire le reazioni “comprensive” di chi sta al governo e se ne frega dei manifestanti, e non ho proprio la soluzione in tasca, anzi…però in ogni caso la violenza fa solo un favore a chi se ne vuole fregare. A me sembra che a Madrid gli indignados alcuni risultati li abbiano ottenuti, invece, chi si ricorda degli scontri di Londra,se non per dire “blocchiamo i social network”?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...