'ndrangheta

Denunciare la ‘ndrangheta non conviene

Lea Garofalo

Dal Corriere.it edizione di Milano:

Dovrà ripartire da zero il processo in corso da qualche mese a Milano per l’omicidio di Lea Garofalo, la testimone giustizia scomparsa due anni fa e sciolta nell’acido nel milanese, e nel quale sono imputati il suo ex convivente Vito Cosco, i fratelli dell’uomo e altre persone. La Corte d’Assise infatti, è rimasta senza il presidente: Filippo Grisolia è stato nominato capo di gabinetto del neo ministro della Giustizia Paola Severino. E in vista del cambiamento della composizione della Corte, le difese non hanno dato il consenso per mantenere valide le prove finora raccolte in dibattimento. Verrà annullata quindi anche la testimonianza di Denise, la figlia che Lea Garofalo ha avuto con Carlo Cosco.
(…)
A luglio 2012 scadranno i termini di custodia cautelare per gli imputati, arresati nell’ottobre del 2010. Se entro quella data non si arriverà ad un processo di primo grado potrebbero ritornare in libertà. 

La prossima volta risparmiatici le lezioncine sull’utilità di denunciare i mafiosi. Grazie

Annunci

One thought on “Denunciare la ‘ndrangheta non conviene

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...