Media

Sansonetti: “Quel titolo era un’idiozia”

Il 18 aprile scorso scrissi un pezzo (non l’unico, a dire il vero) sull’ineffabile direttore di Calabria Ora (e de Gli Altri, credo, o L’altro, boh) che si scusava per il titolo a un bel pezzo dei colleghi Ilario Filippo e Daniela Ursino. Scrissi allora:

Il direttore del giornale, quel cuor di leone che risponde al nome di Piero Sansonetti, si è scusato del titolo e, sostanzialmente, anche di parti dell’articolo. Beh, caro Sansonetti, l’unica cosa di cui ci si debba scusare è che non ci siano altri giornalisti che, sprezzanti del pericolo e leali verso questa professione che considero sacra, scrivano le cose come stanno. 

Il direttore, ora, mi risponde:

caro amico, non mi sono affatto scusato dell’articolo ma del titolo. L’articolo era un bel articolo il titolo era una stronzata. E peraltro lo avevo fatto io. Tu sai che ogni tanto i giornalisti fanno delle stupidaggini? bene, quel titolo era una stupoidagine. Il titolo recitava così: “A platì anche i bambini sono mafiosi”. Non ci vuole un genio per capire che quel titolo era una idiozia di cui scusarsi. Se tu non lo hai capito non ci posso fare niente.
Piero Sansonetti

Caro direttore, non mi permetterei mai di contraddirlo sull’idiozia del titolo che ha partorito. Se lo dice lei, giornalista con decenni di esperienza alle spalle, io ci credo. D’altronde, sono solo un pubblicista. E, per di più, precario. Però, umilmente, mi permetto di dirle che la Calabria non è la Valle d’Aosta. In Calabria tutto si confonde e tutto si mischia. E quelle scuse, seppur giuste, sono sembrate un’implicita presa di distanza dall’articolo. Per di più, dopo i rimbrotti di una cittadina di San Luca. Paese che, non nascondiamoci dietro a un dito, può negare tutto tranne che lì la ‘ndrangheta ci è nata, ci prospera e la farà sempre da padrona.

Annunci

7 thoughts on “Sansonetti: “Quel titolo era un’idiozia”

  1. caro amico, ho letto le tue parole su Calabria e Val d’Aosta e su San Luca. Capisco che il tuo problema è che credi che davvero i bambini di San Luca siano mafiosi, e che l’Aspromonte sia un luogo di criminali e di gente da sterminare. No, la questione non è la tua qualità di giornalista, che certamente sarà ottima: il problema è che sei razzista. Succede, in Italia. Credo, più o meno, al 50 per cento della popolazione. Io penso che sia il problema principale del nostro paese, che finché resta razzista non diventerà mai moderno. Ciao, piero sansonetti

    1. A parte il fatto che il titolo lo ha scritto lei. Quindi, seguendo la sua logica, è stato razzista. Almeno nel momento in cui lo ha pensato. Comunque io sono razzista, va bene, e la mafia non esiste. Buon natale

  2. Ago ma se si parlava del titolo e quindi dei bambini di Platì…che centra San Luca?? 😛
    Concordo con quanto hai scritto: “Paese che, non nascondiamoci dietro a un dito, può negare tutto tranne che lì la ‘ndrangheta ci è nata, ci prospera e la farà sempre da padrona” … però aggiungo che fortunatamente (anche se sarebbe meglio dire…SFORUNATAMENTE) negli ultimi anni le forze dell’ordine hanno messo – e ancora secondo me metteranno- nero su bianco e dietro le sbarre gente “per bene” dei nostri “civilissimi” paesi, dimostrando che la ndrangheta non è solo a San Luca. Platì, Africo ecc ma.. la fa da padrona ovunque.
    Allora ti chiedo, non è che magari la tua affermazione che sopra ho riportanto, la potresti riscrivere usando il plurale e quindi, inserendo TUTTI paesi della nostra locride… ma anche della Calabria e dell’Italia (e non solo)????????
    (anche se cmq credo che anche tu stesso pensi e ben sai che san luca non sia l’unico paese dove la ndrangheta la fa e la farà da padrona)

  3. Agostino, io ti seguo sempre, e devo dire che se c’è qualcuno che non mi sembra razzista sei proprio tu, e vabbè, non c’è bisogno che te lo dica io, che manco ti conosco….
    Però, ad essere sincera, a me un titolo che metta in mezzo i bambini mi pare davvero un’idiozia… Cmq, tu intedi dire che, bambini o non bambini, se uno si scusa sembra che si scusi davanti alla ‘ndrangheta, e che a questo punto meglio “insultare” i bambini di Platì piuttosto che sembrare di scusarsi davanti alla ‘ndrangheta, giusto?
    Buon anno, a proposito!

  4. Aspetta, aspetta, adesso ho riletto l’articolo originale…altro che “insulto”, dall’articolo sembra proprio che anche i bambini aiutino la ‘ndrangheta…e allora il titolo non mi pare tanto un’idiozia, quanto una tristissima realtà…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...