Economia

Unicredit e gli altri, pronti al peggio?

Partiamo da un numero, che è un tonfo. Meno 12,86 per cento. E’ il calo registrato dalla più internazionale banca d’Italia, Unicredit, oggi alla Borsa di Milano. Una débacle che arriva dopo l’aumento di capitale da 7,5 miliardi. Traduciamo: dopo che per mesi e mesi i vertici della banca hanno detto che no, non ci sarebbe stata nessuna immissione di liquidità ché tanto l’istituto era solido, pochi giorni fa è arrivato l’annuncio che Unicredit i soldi li cercava, e come non li cercava. Più di sette miliardi con uno sconto di poco sopra il 40 per cento. Apriti cielo. In pochi giorni la banca ha perso in Borsa più del 40 per cento e oggi è scivolata verso i due euro ad azione. Tanto che si parla già di un intervento parastatale per salvare il salvabile.

E mica è finita. Il sistema finanziario italiano (vi ricordate Silvio Berlusconi, quando diceva che le banche erano solide?) rischia di crollare. Perché sempre oggi è precipitata un’altra banca, la Monte dei Paschi di Siena, piena come un uovo di titoli di Stato di lungo periodo, quel lungo periodo così pieno di incognite per il destino dell’Italia.

E mica è finita. Mentre lo spread si inchioda a 531 punti base, dalla Banca centrale europea è arrivato un altro dato allarmante che certifica la crisi di liquidità contro la quale stanno andando a sbattere i nostri istituti di credito. A dicembre, i prestiti accordati dalla Bce alle nostre banche è arrivato al livello record di 210 miliardi di euro.

Insomma, siete pronti allo schianto?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...