Società

Tassisti amati, operai picchiati

Qualche mese fa i tassisti andarono a protestare sotto il palazzo del governo per protestare contro le liberalizzazioni del governo Monti. Vennero trattati con i guanti bianchi, con la polizia nell'(inconsueto) ruolo dei bravi funzionari di Stato. Stavano difendendo un privilegio, il loro, contro gli interessi dei cittadini.

Oggi, gli operai sardi dell’Alcoa, sempre sotto i palazzi del potere, gridavano la loro indignazione per la perdita del lavoro, con responsabilità forti dello Stato italiano che non ha più una minima intenzione di appoggiare l’industria pesante (il modello tedesco, di cui tanto si parla, fa dell’industria pesante, acciaio, siderurgia, autovetture, il suo fiore all’occhiello).

Sapete com’è finita? Beh, guardate l’immagine.

Annunci

One thought on “Tassisti amati, operai picchiati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...