'ndrangheta

Monasterace, Lanzetta e le baggianate su Facebook

Non ritorno quasi mai sui miei post precedenti, né rispondo mai a commenti o improperi. Faccio un’eccezione questa volta dopo aver letto su vari gruppi di Facebook baggianate “benevoli” sul mio conto dopo il post Forza Lanzetta. Non voglio annoiare chi non è di Monasterace, quindi sintetizzerò in punti le critiche. Io:

a) sono un giornalista di merda;

b) me la prendo col mio ex direttore perché mi pagava poco (scrive un tale che si professa mio amico ma che, evidentemente, del mio passato lavorativo non sa nulla, anche perché non ne vado a parlare certo con lui. Oltre a essere, questo mio amico ma a mia insaputa, ignorante della materia perché a pagare gli stipendi non è il direttore di giornale, ma l’editore. E comunque vorrei sapere che c’azzecca questo con il capitolo Lanzetta);

c) sputo nel piatto in cui mangio;

d) non posso parlare perché anche io ho scheletri nell’armadio;

e) mi dovrei vergognare ecc. ecc.

Mi permetto di rassicurare tutti, preliminarmente, e vi informo che non mi vergogno. Andiamo con ordine. Non odio il mio paese, ma lo amo. Me ne sono dovuto andare per ragioni lavorative e non solo, ma lo amo. Ho dovuto prendere un treno, ma lo amo. Lo amo così tanto che odio chi ha sparato contro la macchina e ha bruciato la farmacia del sindaco Lanzetta (a proposito: un evidentemente grande pensatore di Facebook mi accusa di adulare il sindaco. Io non adulo nessuno. Non adulo i mafiosetti di paese, figurarsi se adulo un sindaco. Io difendo la democrazia e difenderò sempre un sindaco minacciato, anche se con lui non fossi d’accordo). E voi, lo odiate chi ha sparato e bruciato e minacciato? O è colpa della Lanzetta se è stata sparata, minacciata, subìto un incendio?

Ma sì, è la Lanzetta a sputtanare il suo paese. Lei a richiamare telecamere e taccuini. Lei a fare pubblicità negativa. Ma sì, sapete che cosa vi dico? E’ stata lei a bruciare la farmacia e pure a sparare sulla sua auto e pure a inviarsi la lettera di minaccia.

Ma sì, sapete che cos’altro vi dico? La mafia in comune non c’è mai stata, non ci sono mai state inchieste, Nicola Gratteri non ha mai arrestato nessuno e quei pochi arrestati sono vittime di un complotto giudaico-massonico. Monasterace non è mafiopoli e io non sono un giornalista.

Twitter: @agoerre

Annunci

3 thoughts on “Monasterace, Lanzetta e le baggianate su Facebook

  1. se non fosse una scopiazzatura palese del discorso a Radio Aut sul ritrovamento di Peppino Impastato (vedi film “i 100 Passi”, scena finale), sarebbe anche un buon articolo…

    p.s. condivido però apertamente la denuncia e la sua presa posizione

  2. Due anni fa ho sentito parlare la Lanzetta e mi è sembrata una donna come ce ne dovrebbero essere.Un sindaco che da mo riceve minace, anche molto pesanti.Di lei ho apprezzato quel desiderare per la propria terra la bellezza, la legalità , l’apertura Ora non conosco le questioni del tuo doverti difendere ma si, posso dire che tu la tua terra la ami, eccome!!! Quindi vadano tutti a farsi fottere se si sentono turbati dal desiderio di scrivere liberamente che hai sempre manifestato. Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...