Società

Calcioscommesse e giustizia da prima serata

Non entriamo nel merito dell’indagine, l’ennesima, sul calcioscommesse. Sarà la giustizia a gettare un po’ di luce su presunte combine. Sarà la giustizia a fare chiarezza. Aspettiamo.

Ma fermiamoci sulle modalità. Perquisizione nel “covo” della Nazionale, a Coverciano, arresti, arresti domiciliari. Che cosa cercava il pubblico ministero di Cremona a Coverciano? Le prove di quale combine? E poi, dove, nell’armadietto di Criscito, a due anni dai presunti fatti?

Che cosa volevano e vogliono dimostrare gli inquirenti arrestando il capitano della Lazio, Stefano Mauri? Con un pericolo di fuga inesistente e possibilità di inquinare le prove remota, a due anni dai presunti fatti?

Che cosa volevano e vogliono dimostrare gli inquirenti mandando alle sei e mezza del mattino poliziotti e carabinieri a casa di Antonio Conte, dopo che Antonio Conte ha chiesto per mesi di essere sentito in procura?

Che cosa volevano e vogliono dimostrare gli inquirenti dicendo prima che non c’era nessun indagato fra gli azzurri, oltre Domenico Criscito, e poi, nel pomeriggio, si viene a sapere che tra gli indagati c’è anche Leonardo Bonucci?

La sensazione, l’ennesima, strana e spiacevole, è che al solito ci sia qualche toga che ama le luci della ribalta e che vuole infarcire le proprie indagine con la panna montata mediatica e la ciliegina delle prime pagine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...